Tirocini aziendali

Il tirocinio nasce per esporre lo stu­dente alla realtà azien­dale già in peri­o­do uni­ver­si­tario. Il tirocinio fa parte del cur­ricu­lum didat­ti­co e com­por­ta l’acquisizione di un pre­de­ter­mi­na­to numero di CFU. Per il Cor­so di Lau­rea in Ingeg­ne­r­ia dell’Automazione, “Ord. 270” (D.M. 270/2004), i cred­i­ti asseg­nati sono 15. Ad ogni tirocinio è asseg­na­to un numero di rifer­i­men­to defini­to “codice”.

Gli stu­den­ti pos­sono svol­gere due tipolo­gie di tiroci­ni: cur­ric­u­lari obbli­ga­tori o cur­ric­u­lari facolta­tivi.

Il ter­mine cur­ric­u­lare si riferisce al fat­to che l’attività di tirocinio viene svol­ta da uno stu­dente iscrit­to alla Lau­rea Tri­en­nale o alla Lau­rea Magistrale.

Il ter­mine obbli­ga­to­rio si riferisce al fat­to che il tirocinio è inser­i­to in un piano di stu­di e darà luo­go all’accreditamento di CFU.

Il ter­mine facolta­ti­vo si riferisce al fat­to che il tirocinio non è inser­i­to in un piano di stu­di e non darà luo­go ad accred­i­ta­men­to di CFU.

Esistono poi tiroci­ni extracur­ric­u­lari, da svol­gere esclu­si­va­mente dopo la lau­rea. Per infor­mazioni si veda qui.

La richi­es­ta di tirocinio può essere riferi­ta esclu­si­va­mente a una attiv­ità anco­ra da intrapren­dere e non per il riconosci­men­to di un’attività già svolta.

FASE 1: Individuazione del Tirocinio

I tiroci­ni pos­sono essere indi­vid­uati dal­lo stu­dente dalle offerte pub­bli­care sul por­tale del Career Ser­vice (tipolo­gia A) oppure con­cor­dati autono­ma­mente con un’azienda sen­za ricor­rere alle offerte del por­tale (tipolo­gia B).

Tipologia A

Lo stu­dente sceglie un tirocinio tra le offerte pre­sen­ti sul por­tale del Career Ser­vice e si iscrive al col­lo­quio per il tirocinio scel­to. Le attiv­ità di seg­rete­ria del tirocinio, e quin­di di ges­tione buro­crat­i­ca, sono svolte in ques­ta fase dal Career Service.

Una vol­ta super­a­to il col­lo­quio, ottenu­ti il codice del tirocinio e la data di inizio/termine del­lo stes­so, lo stu­dente pre­sen­ta la pro­pos­ta al Docente Del­e­ga­to, assieme alla pro­pos­ta di Tutor Acca­d­e­mi­co, per l’approvazione. Chiara­mente, l’approvazione è sub­or­di­na­ta all’accordo tra lo stu­dente e il docente che farà da Tutor.

Per i tiroci­ni di tipo A gli stu­den­ti devono far rifer­i­men­to al pro­fes­sor Fredy Ruiz Pala­cios (fredy.ruiz@polimi.it).

Tipologia B

Se i col­lo­qui del­la tipolo­gia A han­no avu­to esi­to neg­a­ti­vo e/o le pro­poste pre­sen­ti sul por­tale del Career Ser­vice non sono ritenute inter­es­san­ti, lo stu­dente può cer­care autono­ma­mente un’of­fer­ta pres­so un’Azien­da (del­la quale non deve essere dipen­dente). In questo caso, la pro­pos­ta deve essere approva­ta dal Docente Del­e­ga­to. La pro­ce­du­ra è la seguente.

Lo stu­dente pre­sen­ta al Docente Del­e­ga­to, durante il suo orario di rice­vi­men­to o preferi­bil­mente via email, una pro­pos­ta scrit­ta, redat­ta dall’Azienda su car­ta intes­ta­ta (o invi­a­ta da ind­i­riz­zo email azien­dale), con­te­nente le seguen­ti informazioni:

  • dati dell’Azienda;
  • dati del­lo studente;
  • descrizione del tirocinio e dei com­pi­ti del­lo studente;
  • dura­ta, inizio e ter­mine pre­visti, pos­si­bile Tutor Accademico.

Se il Docente Del­e­ga­to appro­va la pro­pos­ta e approva/assegna un Tutor Acca­d­e­mi­co (anche in questo caso l’approvazione è sub­or­di­na­ta all’accordo tra lo stu­dente e il docente che farà da tutor), lo stu­dente può pros­eguire con l’espletamento delle pratiche; in caso con­trario deve cer­care una nuo­va pro­pos­ta di tirocinio.
Approva­ta la pro­pos­ta, se l’azienda è già con­ven­zion­a­ta con il Politec­ni­co, deve inserire l’offerta sul por­tale del Career Ser­vice seguen­do la pro­ce­du­ra per l’inserimento con can­dida­to già selezion­a­to. Se l’Azienda non è con­ven­zion­a­ta con il Politec­ni­co, deve pri­ma riv­ol­ger­si al Career Ser­vice per atti­vare la Convenzione.

A reg­is­trazione avvenu­ta, la pro­pos­ta ver­rà nuo­va­mente let­ta e val­u­ta­ta (essendo già sta­ta accetta­ta di sug­gerisce di inviare un’email al Docente Del­e­ga­to che l’ha approva­ta con il codice del tirocinio in modo da accel­er­are tale approvazione).

Una vol­ta approva­to il tirocinio lo stu­dente può seguire la pro­ce­du­ra standard.

Per i tiroci­ni di tipo B gli stu­den­ti devono far rifer­i­men­to al pro­fes­sor Luca Fer­rari­ni (luca.ferrarini@polimi.it).

Studente dipendente di Azienda

Se lo stu­dente è già dipen­dente dell’Azienda, la pro­ce­du­ra è la seguente.

È nec­es­saria l’approvazione pre­ven­ti­va del CCS, che si ottiene man­dan­do via email al Docente Del­e­ga­to una pro­pos­ta di tirocinio scrit­ta, redat­ta dall’Azienda su car­ta intes­ta­ta, con­te­nente le seguen­ti informazioni:

  • dati dell’Azienda;
  • dati del­lo studente;
  • descrizione del tirocinio e dei com­pi­ti del­lo studente;
  • dura­ta, inizio e ter­mine pre­visti, nome e fun­zione azien­dale del Tutor Aziendale.

Il Docente Del­e­ga­to, su del­e­ga del CCS, pro­cede alla val­u­tazione del­la pro­pos­ta. La prat­i­ca diven­ta di per­ti­nen­za del CCS, per­tan­to lo stu­dente non avrà la qual­i­fi­ca di stag­ista presto l’Azienda, ma di dipen­dente; ne con­segue che la sua situ­azione ver­rà gesti­ta separatamente.

Anche in questo caso gli stu­den­ti devono far rifer­i­men­to al pro­fes­sor Luca Fer­rari­ni (luca.ferrarini@polimi.it).

FASE 2: Convenzione e preparazione progetto formativo

Per l’avvio di un tirocinio lo stu­dente deve chiedere all’azienda di effet­tuare due operazioni:

  1. CONVENZIONE DI TIROCINIO: si trat­ta di un form on line che l’azienda deve com­pi­lare intro­ducen­do i pro­pri dati; la Con­ven­zione sarà poi rice­vu­ta via email dall’azienda con i dati pre­com­pi­lati e le istruzioni per com­ple­tarne l’attivazione.
    Atten­zione: questo pas­sag­gio deve essere effet­tua­to solo se l’azienda non ha già una Con­ven­zione di Tirocinio atti­va col Politec­ni­co di Milano; l’azienda può ver­i­fi­car­lo man­dan­do un’email a careerservice.stage@polimi.it; inoltre, ques­ta oper­azione va effet­tua­ta con almeno 10 giorni lavo­ra­tivi di anticipo sul­la data di avvio pre­vista per l’avvio del tirocinio.
  2. PROGETTO FORMATIVO: con­siste anco­ra nel­la com­pi­lazione di un form on line, in cui l’azienda deve det­tagliare le carat­ter­is­tiche del tirocinio che vuole atti­vare; l’azienda può com­pi­lare il Prog­et­to For­ma­ti­vo solo se la Con­ven­zione di Tirocinio è atti­va, se lo stu­dente ha for­ni­to all’azienda il pro­prio numero di matri­co­la, acconsen­ten­do quin­di all’avvio del tirocinio, e con almeno 3 giorni lavo­ra­tivi di anticipo sul­la data di avvio pre­vista per il tirocinio.

Dopo che l’azienda ha com­pi­la­to on line il Prog­et­to For­ma­ti­vo, lo stu­dente riceve un’email con le istruzioni per pros­eguire. In par­ti­co­lare, in caso di tirocinio obbli­ga­to­rio, lo stu­dente dovrà indi­care il nom­i­na­ti­vo del Tutor Accademico.

In segui­to viene invi­a­to a stu­dente e azien­da un’email con il Prog­et­to For­ma­ti­vo defin­i­ti­vo e tutte le infor­mazioni sui pas­si da com­piere per l’attivazione.

Si invi­ta lo stu­dente a stam­pare 3 copie del Prog­et­to For­ma­ti­vo, fir­mar­le e far­le fir­mare dal tutor acca­d­e­mi­co e dal tutor azien­dale. Una delle tre copie fir­mate rimane allo stu­dente. Le rima­nen­ti devono essere consegnate:

  • alla Seg­rete­ria didat­ti­ca, almeno 3 giorni lavo­ra­tivi pri­ma del­la data di inizio del tirocinio;
  • al Tutor Aziendale

A questo pun­to lo stu­dente riceve la con­fer­ma dell’attivazione e può iniziare il tirocinio.

N.B.: Un tirocinio svolto sen­za la rego­lare atti­vazione non potrà essere con­va­l­ida­to. Se lo stage inizierà pri­ma che queste pro­ce­dure siano com­ple­tate, non sarà atti­va alcu­na cop­er­tu­ra assi­cu­ra­ti­va (for­ni­ta dal Politec­ni­co, su respon­s­abil­ità civile e infor­tu­ni sul lavoro) né lo stage potrà essere val­ida­to retroat­ti­va­mente e/o riconosciuto. 

FASE 3: Svolgimento del tirocinio

Il tiroci­nante svolge l’attività pres­so la sede dell’Azienda/Ente ospi­tante nei tem­pi e nei modi spec­i­fi­cati nel Prog­et­to For­ma­ti­vo approva­to. Even­tu­ali vari­azioni devono essere comu­ni­cate invian­do un’email a tirocini-automazione@polimi.it. E’ richi­es­ta la com­pi­lazione con fir­ma in scan­sione degli apposi­ti mod­uli scar­i­ca­bili qui.

Le vari­azioni alla dura­ta del­lo stage in cor­so devono essere in accor­do con il Tutor Acca­d­e­mi­co, Il Tutor Azien­dale e il Docente Delegato.

Le ragioni pos­sono essere le seguenti:

  • Pro­ro­ga
    È pos­si­bile, entro il ter­mine del peri­o­do di stage, chiedere una breve pro­ro­ga del­lo stage cur­ric­u­lare obbli­ga­to­rio final­iz­za­ta uni­ca­mente al com­ple­ta­men­to degli obi­et­tivi for­ma­tivi o al rag­giung­i­men­to del numero di ore min­i­mo pre­vis­to. Se l’azienda neces­si­ta di un impeg­no più inten­so e duraturo dovrà richiedere l’avvio di un nuo­vo stage, cur­ric­u­lare facolta­ti­vo, con il medes­i­mo candidato.
  • Inter­ruzione
    Qualo­ra lo stag­ista rag­giun­ga il numero di ore min­i­mo pre­vis­to per lo stage cur­ric­u­lare obbli­ga­to­rio in un tem­po infe­ri­ore a quel­lo dichiara­to sul Prog­et­to For­ma­ti­vo, l’azienda e il tiroci­nante sono tenu­ti a darne tem­pes­ti­va comu­ni­cazione mez­zo email alla SAT, accom­pa­g­na­ta da una dichiarazione di effet­ti­vo rag­giung­i­men­to del numero di ore da parte dell’Ente ospi­tante. La SAT pro­ced­erà alla chiusura antic­i­pa­ta del­lo stage.
    In assen­za di tale dichiarazione, nel caso di stage cur­ric­u­lare obbli­ga­to­rio, l’interruzione antic­i­pa­ta può com­portare il man­ca­to riconosci­men­to dell’esperienza lavorativa.
  • Sospen­sione
    E’ pos­si­bile indi­care un peri­o­do di sospen­sione dell’attività di tirocinio già al momen­to del­la com­pi­lazione del Prog­et­to For­ma­ti­vo. Se il peri­o­do dovesse cambiare/estendersi/iterarsi, è nec­es­sario comu­ni­car­lo via email alla SAT. Il peri­o­do di sospen­sione non con­corre al com­puto del­la dura­ta com­p­lessi­va del­lo stage.

FASE 4: Conclusione del tirocinio

Solo in caso di tirocinio cur­ric­u­lare obbligatorio:

  • Lo stu­dente e il Tutor Azien­dale al ter­mine del tirocinio ricevono un’email che richiede la com­pi­lazione on line del ques­tionario di valutazione.
  • Lo stu­dente prepara inoltre una relazione aggiun­ti­va, di almeno 30 pagine, in for­ma­to libero, che deve essere approva­ta dal Tutor Azien­dale e invi­a­ta al Tutor Accademico.
  • Il Tutor Acca­d­e­mi­co prende visione dei ques­tionari com­pi­lati e del­la relazione aggiun­ti­va. Se la doc­u­men­tazione è adegua­ta, il Tutor Acca­d­e­mi­co può così pro­cedere all’assegnazione dei cred­i­ti del tirocinio.

FAQ sul tirocinio curriculare obbligatorio

Chi lo può svolgere?
È pre­vis­to solo durante la Lau­rea Tri­en­nale per col­oro che lo inseriscono nel piano di stu­di (di nor­ma al ter­zo anno); con accred­i­ta­men­to di CFU.
Non vi sono vin­coli né sul numero di CFU min­i­mi da aver rag­giun­to né sul­la media. Ciò non toglie che un’azienda pos­sa oper­are una selezione fra più can­di­dati anche in base a questi parametri.

Quan­do è pos­si­bile svolgerlo?
Si può inserire nel piano di stu­di sia al pri­mo sia al sec­on­do semes­tre. Non è obbli­ga­to­rio svol­ger­lo nel semes­tre di inser­i­men­to, ma è nec­es­sario aver­lo nel piano degli stu­di per poter­lo iniziare, altri­men­ti non sarà pos­si­bile acquisire i CFU. Il tirocinio deve con­clud­er­si almeno un mese pri­ma del­la data di laurea.

Quan­to dura?
Il tirocinio cur­ri­co­lare obbli­ga­to­rio per la lau­rea in Ingeg­ne­r­ia dell’Automazione ha una dura­ta min­i­ma di 480 ore, ovvero 3 mesi, sec­on­do l’impegno orario mas­si­mo ammis­si­bile di 40 ore set­ti­manali. La dura­ta mas­si­ma è di 12 mesi. In genere, si scon­siglia una dura­ta supe­ri­ore ai 6 mesi.

Quan­ti CFU pos­so ottenere con un tirocinio obbli­ga­to­rio? Per il Cor­so di Lau­rea in Ingeg­ne­r­ia dell’Automazione i cred­i­ti asseg­nati sono 15, equiv­alen­ti ad almeno 480 ore di attività.

Come devo orga­niz­zare i tem­pi di lavoro?
Il CCS non pone vin­coli sul­la modal­ità di erogazione del tirocinio. Ques­ta dipende dagli accor­di tra stu­dente e Azien­da. L’unico vin­co­lo è sul­la dura­ta min­i­ma in ore (480), da svol­ger­si full time (mas­si­mo 40 ore/settimana) o part-time (mas­si­mo 20 ore/settimana).
Se quin­di il numero di ore set­ti­manali è fino a 20 si par­la di part time, tra 21 e 40 si par­la di full time.
Il tirocinio per legge può essere svolto solo nei giorni feri­ali, dal lunedì al ven­erdì, al mas­si­mo per 8 ore al giorno esclusa la pausa pran­zo, in orario diurno, dunque dalle 7 del mat­ti­no alle 21 di sera come estremi.
ATTENZIONE: non è ammis­si­bile per il tiroci­nante un impeg­no orario set­ti­manale supe­ri­ore alle 40 ore.

Quali sono i req­ui­si­ti per pot­er fare un Tirocinio?
Non vi sono vin­coli né sul numero di CFU min­i­mi da aver rag­giun­to per svol­gere il tirocinio né sul­la media. Ciò non toglie che un’azienda pos­sa oper­are una selezione fra più can­di­dati anche in base a questi parametri.

Dove è pos­si­bile svolgerlo?
Può essere svolto sia in Italia sia all’estero, pres­so aziende o altri enti, purché il tema sia coer­ente con il per­cor­so di studio.

È nec­es­sario un Tutor Accademico?
Sì, il Tutor Acca­d­e­mi­co ha un ruo­lo di con­trol­lo e garanzia e provvede all’assegnazione dei CFU al ter­mine del tirocinio. La scelta del Tutor dipende dall’argomento del tirocinio.
Per sem­plic­ità è oppor­tuno, sebbene non obbli­ga­to­rio, con­sid­er­are docen­ti del CCS Ingeg­ne­r­ia dell’Automazione, ma pos­sono essere Tutor tut­ti i docen­ti del Politec­ni­co (anche se lo stu­dente non ha segui­to un loro corso).
Qualo­ra lo stu­dente non riesca a trovare autono­ma­mente un Tutor Acca­d­e­mi­co disponi­bile, può chiedere ausilio ai Docen­ti Delegati.
Per una lista delle varie aree di com­pe­ten­za dei docen­ti del cor­so di stu­di si sug­gerisce di par­tire da qui.

Ho inser­i­to il tirocinio nel mio piano di stu­di, ma non tro­vo nes­suna azien­da che mi ospi­ti per un tirocinio. Cosa pos­so fare?
Vi sono due possibilità:

  • Può provare a iscriver­si a un’al­tra pro­pos­ta. Se il sito non lo per­me­tte si riv­ol­ga all’Azienda e chie­da con­fer­ma di essere sta­to ‘sgan­ci­a­to’ dal prece­dente tirocinio. Può cer­care una nuo­va pro­pos­ta autono­ma­mente oppure attra­ver­so il por­tale Career Ser­vice, e pre­sen­tar­la al Docente Delegato.
  • Può cam­biare il piano di stu­di appe­na pos­si­bile (in genere nel semes­tre suc­ces­si­vo) sos­tituen­do il tirocinio con nuovi cor­si, non inclusi in prece­den­za, i cui cred­i­ti cor­rispon­dano almeno al suo valore.

Inserire un tirocinio nel piano di stu­di è una lib­era scelta, non un obbli­go. Le Aziende inoltre non sono costrette ad ospitare tut­ti gli stu­den­ti che fac­ciano domanda.

Come viene val­u­ta­to un tirocinio?
Il Tutor Acca­d­e­mi­co riconosce i cred­i­ti cor­rispon­den­ti che entra­no in car­ri­era per il com­puto totale. Non essendo pre­vis­to un voto, nel cal­co­lo del­la media pesa­ta non si ter­rà con­to del tirocinio.

Sono uno stu­dente di Lau­rea Magis­trale. Pos­so fare un tirocinio?
Sì. Si trat­ta di Tiroci­ni cur­ric­u­lari facoltativi.

FAQ sul tirocinio curriculare facoltativo

Chi lo può svolgere?

  • Stu­den­ti del­la Lau­rea Magistrale.
  • Stu­den­ti del­la Lau­rea Tri­en­nale che desider­a­no fare un’esperienza di tirocinio, sen­za inser­i­men­to nel piano di stu­di né riconosci­men­to di CFU.
  • Stu­den­ti del­la Lau­rea Tri­en­nale che, dopo la con­clu­sione del tirocinio obbli­ga­to­rio, desider­a­no pros­eguire l’attività nel­la stes­sa azienda/ente ospitante.

Quan­do è pos­si­bile svolgerlo?
Uno stage cur­ric­u­lare facolta­ti­vo può iniziare in qual­si­asi peri­o­do dell’anno e in qual­si­asi momen­to del per­cor­so di stu­di, ma deve con­clud­er­si entro la data di laurea.

Quan­to dura?
Da 1 a 12 mesi pres­so la stes­sa azien­da (cumu­la­tivi anche di un even­tuale tirocinio obbli­ga­to­rio già svolto pres­so l’azienda) e comunque non oltre la data di laurea.

Pos­so ottenere dei CFU con un tirocinio facoltativo?
No, i tiroci­ni cur­ric­u­lari facolta­tivi non com­paiono nel piano di stu­di e non com­por­tano il riconosci­men­to di CFU.

Dove è pos­si­bile svolgerlo?
Può essere svolto sia in Italia sia all’estero, pres­so aziende o altri enti, purché il tema sia coer­ente con il per­cor­so di studio.

È nec­es­sario un Tutor Accademico?
Il Tutor Acca­d­e­mi­co ver­rà asseg­na­to d’ufficio. Tut­tavia, in caso di tesi è nec­es­sario indi­vid­uare un rela­tore tra i docen­ti del cor­so di lau­rea pri­ma dell’avvio del tirocinio per ver­i­fi­care la coeren­za degli obi­et­tivi for­ma­tivi pro­posti con il per­cor­so di stu­dio. Il rela­tore deve essere tenu­to infor­ma­to del­lo svilup­po delle attiv­ità e può, a pro­pria dis­crezione, dare indi­cazioni utili alla real­iz­zazione, ma non è un con­sulente aziendale.

Contatti e riferimenti utili

Docen­ti Delegati
I docen­ti del­e­gati del Con­siglio di Cor­so di Stu­di in Ingeg­ne­r­ia dell’Automazione per la ges­tione dei tiroci­ni sono il Pro­fes­sor Luca Fer­rari­ni (luca.ferrarini@polimi.it) e il Pro­fes­sor Fredy Ruiz Pala­cios (fredy.ruiz@polimi.it).
I loro com­pi­ti sono: approvare le offerte tiroci­ni, pre­sen­ti sul por­tale Career Ser­vice o pro­poste dal­lo stu­dente, in base alla loro qualità.
Approvare/assegnare i Tutor Accademici.
Fornire un servizio di ori­en­ta­men­to agli studenti.

Strut­tura di rifer­i­men­to per i tiroci­ni cur­ric­u­lari obbligatori
SAT (Strut­tura Acca­d­e­m­i­ca Tiroci­ni) ATM
pres­so Seg­rete­ria Didat­ti­ca DEIB, Cam­pus Leonar­do, pianter­reno Ed. 20
Sportel­lo Studenti:
dal Lunedì al Ven­erdì ore 9:30–12:30
tel. 02 2399 3641
tirocini-automazione-deib@polimi.it

Strut­tura di rifer­i­men­to per i tiroci­ni cur­ric­u­lari facoltativi
Career Ser­vice
Ed. 1, piano ter­ra, Cam­pus Leonardo
Sportel­lo studenti:
dal Lunedì al Ven­erdì ore 9,30–12,30; 14,00–17,30
Tel. +39 02 2399 2535 (coda 2)
careerservice.stage@polimi.it
www.careerservice.polimi.it

Per infor­mazioni in det­taglio sulle pro­ce­dure di avvio del tirocinio
cm.careerservice.polimi.it/studenti
cm.careerservice.polimi.it/faq