Piani degli studi

Durante l’anno vi sono due finestre tem­po­rali per la pre­sen­tazione e la mod­i­fi­ca dei piani di stu­dio del­la Lau­rea e del­la Lau­rea Magis­trale. La pri­ma fines­tra cade in cor­rispon­den­za dell’inizio del pri­mo semes­tre (settembre/ottobre), la sec­on­da all’inizio del sec­on­do (febbraio/marzo).

Le regole det­tagli­ate per la pre­sen­tazione dei piani sono ripor­tate qui.

Si ricor­da nel­lo speci­fi­co che durante la fines­tra di pre­sen­tazione del piano del pri­mo semes­tre è pos­si­bile intro­durre mod­i­fiche (aggiunte, rimozioni e vari­azioni come il cam­bio di sta­to del cor­so da effet­ti­vo a sovran­nu­mero e vicev­er­sa) rel­a­tive ad esa­mi del pri­mo e del sec­on­do semes­tre e per ogni anno acca­d­e­mi­co fino a quel­lo cor­rente di presentazione.

Durante la fines­tra del sec­on­do semes­tre, che è una fines­tra per mod­i­fiche facolta­tive al piano pre­sen­ta­to a set­tem­bre, è invece uni­ca­mente possibile:

  1. aggiun­gere o rimuo­vere inseg­na­men­ti del sec­on­do semes­tre dell’anno acca­d­e­mi­co di pre­sen­tazione;
  2. cam­biare la posizione da effet­ti­vo a sovran­nu­mero e vicev­er­sa lim­i­tata­mente ad inseg­na­men­ti del pri­mo e del sec­on­do semes­tre inser­i­ti nel piano nell’anno acca­d­e­mi­co cor­rente.

Per gli stu­den­ti del­la Lau­rea e per gli stu­den­ti di Lau­rea Magis­trale imma­tri­co­latisi nel pri­mo semes­tre, si ricor­da che la pre­sen­tazione di un piano degli stu­di nel­la fines­tra di set­tem­bre (anche per la sola mod­i­fi­ca del­lo sta­to da effet­ti­vo a sovran­nu­mero) com­por­ta l’iscrizione all’anno acca­d­e­mi­co suc­ces­si­vo. Tale iscrizione può portare ad un paga­men­to di tasse uni­ver­si­tarie nonché alla preclu­sione di appel­li di lau­rea ris­er­vati a stu­den­ti iscrit­ti ad un deter­mi­na­to anno acca­d­e­mi­co. Analoghe regole val­go­no per gli stu­den­ti di Lau­rea Magis­trale che si imma­tri­colano nel sec­on­do semestre.

Se il piano pre­sen­ta­to è con­forme al mod­el­lo pro­pos­to nel man­i­festo degli stu­di, esso è auto­mati­ca­mente approva­to. Lo stu­dente di Lau­rea e di Lau­rea Magis­trale può pre­sentare un piano non per­fet­ta­mente con­forme per varie ragioni, tra cui:

  1. inclu­sione nel piano di esa­mi cor­rispon­den­ti ad anni dif­fer­en­ti da quel­lo in corso;
  2. inser­i­men­to di esa­mi non pre­sen­ti nelle tabelle del manifesto;
  3. pre­sen­za di obblighi/divieti a segui­to dell’ammissione (per i soli stu­den­ti del­la Lau­rea Magistrale).

In questi casi, il piano deve essere approva­to dal­la com­mis­sione per la “val­u­tazione dei piani di stu­dio”.  La com­mis­sione tipi­ca­mente segue le seguen­ti linee guida:

    1. Per l’approvazione è impre­scindibile che: 
      • tut­ti gli esa­mi obbli­ga­tori siano inser­i­ti nel piano (a meno di divi­eti);

e per i soli stu­den­ti del­la Lau­rea Magis­trale che:

    • tra gli opzion­ali vi siano almeno 20 cred­i­ti effet­tivi scelti dalle tabelle 1 e 2 del manifesto;
    • non vi siano più di 10 cred­i­ti effet­tivi rel­a­tivi a cor­si non pre­sen­ti nelle tabelle del manifesto.
  1. L’inclusione di esa­mi cor­rispon­den­ti ad anni dif­fer­en­ti da quel­lo in cor­so è accetta­ta solo a fronte di moti­vazioni valide.
  2. L’inserimento di attiv­ità for­ma­tive autono­ma­mente scelte non pre­sen­ti nelle tabelle del man­i­festo nel­la misura di 15 cred­i­ti da scegliere al ter­zo anno per gli stu­den­ti di Lau­rea e nel­la misura di 10 cred­i­ti al mas­si­mo per gli stu­den­ti di Lau­rea Magis­trale è ammes­so purché gli esa­mi scelti: non pre­senti­no sovrap­po­sizione sig­ni­fica­ti­va di argo­men­ti con altri cor­si pre­sen­ti nel piano; non cor­rispon­dano ad esa­mi già offer­ti dal cor­so di lau­rea e pre­sen­ti nel man­i­festo; siano coer­en­ti col prog­et­to for­ma­ti­vo del cor­so di Lau­rea o di Lau­rea Magis­trale in essere. La val­u­tazione del­la coeren­za è a com­ple­ta dis­crezione del­la commissione.

Si ricor­da che la com­mis­sione può pro­cedere alla val­u­tazione dei piani solo dopo la chiusura del­la fines­tra tem­po­rale per la pre­sen­tazione degli stes­si. La val­u­tazione tipi­ca­mente richiede due/tre set­ti­mane. Nel caso un piano risul­tasse non approv­abile, la com­mis­sione con­tat­terà lo stu­dente via email per cer­care una soluzione con­cor­da­ta. La con­seguente mod­i­fi­ca del piano viene poi appor­ta­ta dal­la com­mis­sione stessa.

Si ricor­da infine che gli stu­den­ti Eras­mus in usci­ta sono tenu­ti ad avere un piano che rispet­ta tutte le regole sopra indi­cate e comunque ripor­tate nel rego­la­men­to didat­ti­co. Tali regole invece non devono essere rispet­tate per gli stu­den­ti Eras­mus in ingres­so a meno che non siano stu­den­ti di doppia lau­rea. Gli stu­den­ti Eras­mus sono invi­tati a con­sultare la pag­i­na corrispondente.

Ogni anno viene orga­niz­za­to un incon­tro infor­ma­ti­vo sui piani degli stu­di. Le slide del­l’ul­ti­mo incon­tro sono disponi­bili qui.